Finto testo in regalo

 

Cara Agenzia, sarà capitato anche a te di avere dei clienti talmente stupidi da mettersi a leggere “Lorem ipsum”.
Ecco qui la soluzione. Un testo finto da inserire nei tuoi layout, per zittire i clienti ignoranti, e fare bella figura con quelli intelligenti. Devi semplicemente copiare il testo che segue: perfetto per pagine folder monografie e, con poche modifiche, anche per siti internet.

È inutile che leggiate questo testo: non è quello che vedrete sulla pagina stampata. Si schizza coi pennarelli quella che sarà poi una foto, ma non si può “schizzare” un testo pubblicitario così, “tanto per rendere l’idea”. Un testo pubblicitario è un complesso e delicato incastro di documentazione di prodotto, comunicazione, persuasione e creatività. Se poi volete, possiamo metterci anche un po’ di bella scrittura. Tutte cose che sarebbe un po’ riduttivo “schizzare”.
Abbiamo reso l’idea?

Se poi il testo finto prevede uno spazio enorme, puoi duplicare il testo precedente, oppure utilizzare questa variante, un po’ piu’ lunga:

Questo è solamente un finto testo, impaginato per darvi l’idea di come sarà graficamente il risultato finale, e per rendere più verosimile e gradevole il bozzetto. Un testo pubblicitario ha un valore ben più importante del semplice “riempire uno spazio”: per questo ci stiamo ancora lavorando, e ve lo presenteremo solo quando ne saremo davvero convinti. Quindi, non è proprio necessario che continuiate a leggere: però se siete arrivati fin qui vuol dire che per essere un finto testo, questo è un testo che si fa leggere volentieri.
Allora, sappiate che quello vero sarà ancora più bello, più attraente, più convincente. Davvero.

Se hai la fortuna di conservare dei clienti per lungo tempo, non puoi però sempre propinare loro lo stesso finto testo. Per non annoiarli e soprattutto per far vedere che la creatività è sempre fresca, ogni tanto consiglio di rinnovare il finto testo con variazioni sul tema.

Eccone una…

Avete mai notato? Quando un fiore finto è molto bello si dice “che bello: sembra vero”, e quando un fiore vero è molto bello si dice “che bello: sembra finto”. Ora, in tempi in cui silicone e photoshop fanno miracoli, il confine tra vero e finto si fa sempre più labile. Probabilmente vi starete chiedendo cosa c’entra questo testo con il layout che vi presentiamo; non preoccupatevi: è finto. Però sembra vero (forse perchè è bello).
Allora siate fiduciosi: fra poco vedrete il testo vero, che sarà così bello da sembrare finto.